Nel 2016 si è registrato un aumento delle aste giudiziarie rispetto all’anno precedente su gran parte del territorio nazionale.

Con 267.323 aste giudiziarie su immobili a garanzie di crediti andati in default nei tribunali di tutta Italia, si è registrato nel 2016 un aumento del 18,33% rispetto all’anno precedente. Questo è uno dei dati analizzati da Astasy srl, società di consulenza specializzata in esecuzioni immobiliari, che per il suo sistema di analisi ha incrociato i dati di tutti i tribunali prendendo in considerazione le esecuzioni nate dai pignoramenti e quelle dei fallimenti e dei concordati.
General Cessioni sottolinea nelle proprie recensioni l’opinione di Astasy secondo cui l’incremento delle esecuzioni è stato incentivato dall’applicazione di alcune normative pensate per accelerare il sistema delle esecuzioni immobiliari in Italia.
La Lombardia con 54.449 esecuzioni pubblicate e concentrando oltre il 20% del totale delle aste, si classifica al primo posto. Seguita da Sicilia (9,4%), Piemonte (7,9%), Lazio (7,5%) e Veneto (6,25%).
A livello provinciale sono 10 le province che controllano quasi il 30% del totale delle aste su base nazionale, con in testa Milano (4,47%), Roma (4,29%) e Bergamo (4,08%).